Agosto, donne mie non vi conosco (1959)


Agosto, donne mie non vi conosco è un film del 1959, diretto da Guido Malatesta.

Mario è fidanzato con Anna ma entrambi poveri mantengono il segreto sulla propria condizione economica. Su insistenza del padre della ragazza si organizza una festa di fidanzamento alla quale partecipano i parenti e in questa occasione l'uomo scopre che il ragazzo è un semplice dipendente della metropolitana. Pur di non far brutta figura con i parenti non dice nulla ma costringe il ragazzo a lasciare la figlia. Mario parte con i suoi migliori amici Nando e Filippo per il mare cercando un'avventura dopo l'altra per dimenticare Anna. Il piano fallisce e i tre tornano in città dove per fortuna il padre di Anna acconsente al matrimonio grazie all'intervento di una ricca zia. (Wikipedia)


Note Tecniche :
Titolo originale : Agosto, donne mie non vi conosco - Lingua originale : italiano - Paese di produzione : Italia - Anno : 1959 - Regia : Guido Malatesta - Soggetto : Arpad DeRiso - Sceneggiatura : Arpad DeRiso - Produttore : Dante Ender, Guido Malatesta, Guido Robuschi - Fotografia : Pier Ludovico Pavoni - Montaggio : Renato Cinquini - Musiche : Guido Robuschi, Gian Stellari - Scenografia : Oscar D'Amico...


Interpreti e personaggi :
Lorella De Luca: Anna Moriconi, Raffaele Pisu: Mario, Memmo Carotenuto: Oreste Moriconi, Gabriele Tinti: Nardo, Yvette Masson: Jeannette...

Fiche IMDB

Il terrore dei barbari (1959)


La Terreur des barbares (titre original : Il terrore dei barbari) est un film historique franco-italien réalisé par Carlo Campogalliani et sorti en 1959.

En 568, l'armée des Lombards, dirigée par le roi Alboïn, envahit le Nord de l'Italie. Le village d'Emiliano est pillé et son père sauvagement assassiné. Les survivants décident de résister aux envahisseurs en harcelant les troupes lombardes laissées en garnison dans leur ville. (Source Wiki)


Fiche technique :
Titre original : Il terrore dei barbari - Réalisation : Carlo Campogalliani - Scénario : Gino Mangini, Nino Stresa, Giuseppe Taffarel et Carlo Campogalliani - Photographie : Bitto Albertini - Musique : Carlo Innocenzi - Décors : Oscar D'Amico - Producteur : Emimmo Salvi, Pays d’origine : France et Italie - Distributeur : Comptoir français du Film (Robert De Nesle) - Durée : 100 min.- Dates de sortie France : 25 novembre 1959...

Distribution :
Steve Reeves (Emiliano), Chelo Alonso (Landa, fille de Delfo) Livio Lorenzon (Igor le Barbare) Andrea Checchi (le duc Delfo), Luciano Marin (Marco), Giulia Rubini (Sabina)...

Fiche IMDB


Destinazione Sanremo (1959)


Destinazione Sanremo è un film musicarello del 1959 diretto da Domenico Paolella ed interpretato da uno stuolo di attori (protagonisti e caratteristi comprimari di vaglia) e cantanti in voga fra la fine degli anni cinquanta e i primi anni sessanta. La pellicola costituì di fatto un pretesto per pubblicizzare il Festival della canzone italiana di Sanremo.

Il Morandini definisce quasi un documentario d'epoca il film che racconta il viaggio di un gruppo di appassionati di musica leggera che viaggiano su un treno diretto a Sanremo per seguire in teatro il Festival della canzone e che rimane bloccato a causa di una valanga in una piccola stazione di montagna.

Si accontenteranno di seguire la rassegna televisiva, giunta alla nona edizione, quella del 1959, vinta da Domenico Modugno con Piove, attraverso la televisione (che aveva visto la luce in Italia solo pochi anni prima, nel 1954. Il materiale cinematografico girato durante l'edizione di quell'anno venne poi montato all'interno del film.

Al filone base del film si innesta la vicenda amorosa di Tonino (Gabriele Tinti) - nipote del capostazione (Tino Scotti) - e Anna (Yvonne Monlaur), giovane viaggiatrice del treno bloccato. Quando il treno riprenderà la corsa, il giovane si accompagnerà alla morosa mentre lo zio capostazione intratterrà una relazione con una vedova di una certa età interpretata dall'esperta Pina Renzi. (Wikipedia)


Note Tecniche :
Paese di produzione : Italia Anno : 1959 - Durata : 91 min, colore - Regia : Domenico Paolella - Soggetto : Edoardo Anton, Marcello Ciorciolini, Marcello Fondato, Carlo Infascelli, Domenico Paolella - Sceneggiatura : Edoardo Anton, Marcello Ciorciolini, Marcello Fondato, Carlo Infascelli, Domenico Paolella - Montaggio : Mario Sansoni - Musiche : Carlo Rustichelli - Scenografia : Beni Montresor...

Interpreti e personaggi :
Yvonne Monlaur: Anna, Gabriele Tinti: Tonino, Tino Scotti: Capostazione, Pina Renzi: La vedova stagionata, Alberto Talegalli: Sor Amerigo, Dolores Palumbo: Cleopatra...

Fiche IMDB

Vite perdute (1959)


Vite perdute è un film del 1958, diretto dai registi Adelchi Bianchi e Roberto Mauri.


Note Tecniche :
Titolo originale : Vite perdute, Paese di produzione : Italia, Anno : 1958, Durata : 84 min, colore, Regia : Adelchi Bianchi, Roberto Mauri, Soggetto : Roberto Mauri, Sceneggiatura : Adelchi Bianchi, Roberto Mauri, Gianni Putticini, Vittoriano Petrilli, Produttore : Federico Teti, Fotografia : Aldo Tonti, Montaggio : Leo Catozzo, Musiche : Roberto Nicolosi, Scenografia : Oscar D'Amico...



Interpreti e personaggi :
Virna Lisi: Anna, Sandra Milo: Giulia, Jacques Sernas: il barone, Gabriele Tinti: Carlo, Marco Guglielmi: Toni, Annie Alberti: Susi, Roberto Mauri: Poldo...

Fiche IMDB

O Bella Roma (1958/1960)


PRESUMABLY, the distributors responsible for placing "Heaven on Earth" on view at the Fifty-fifth Street Playhouse yesterday had some prospective paying customers in mind.
 
Exactly whom they expect to please with this curious mélange of travelogue, art documentary, adolescent romance and rock 'n' roll, however, is a mystery worth pondering.
 
For sight-seers, the film has an assortment of attractive color shots of the more familiar tourist attractions in Rome, including churches, prisons and catacombs. Guide-book descriptions are delivered in a thick Italian accent by the young leading man, Gabriele Tinti.

For plot addicts, there is an inconsequential love story involving a handsome young Italian who blames Americans for killing his mother during World War II, but overcomes his prejudice in the process of guiding a pretty bobby-soxer around the city. The romance is left unresolved, and it is amateurishly acted by Signor Tinti and Barbara Florian, but the youthful faces do provide occasional relief from the monuments.

For admirers of spectacle, excerpts from what appear to be recent Italian costume epics are presented to illustrate vaguely the hero's tales of Roman history. In several of these, the young protagonists appear in full costume, looking a little foolish as they watch sparring gladiators, secret Christian gatherings and cardboard battle scenes.
 
For art lovers, there are brief glimpses of several score of statues, frescoes and paintings by Michelangelo, Raphael, Botticelli and others. The camera rarely pauses long enough for contemplation of any of these.  
For patrons more interested in religion, there is a camera tour of the Vatican and a long recapitulation of the papal conclave leading to the election of Pope John XXIII. This climactic section includes, for no apparent reason, bits of newsreel footage offering glimpses of Cardinal Mindzenty and the Hungarian uprising.


As a final fillip for teen-agers, the young heroine, moping over her inevitable departure from Rome, listens to some street musicians and suddenly bursts into a rock 'n' roll ballad, wailing something to the effect that she is all of 17 and still searching for love.  
Perhaps Robert Spafford, who wrote and directed this pointless pot-pourri, hoped to provide something for everybody. As usual, in such misguided endeavors, he has accomplished the opposite result.

Heaven on Earth' by  EUGENE ARCHER. Published: October 11, 1960 - The New York Times.

HEAVEN ON EARTH: written and directed by Robert Spafford, from an original story by Murray Hill Topman; produced by Dominick Franco; a JB Film Enterprises release. At the Fifty-fifth Street Playhouse, near Seventh Avenue. Running time: 84 minutes.  
Caroline Brent . . . . . Barbara Florian  
Henry Brent . . . . . Charles Fawcett  
Antonio Verbano . . . . . Gabriele Tinti  
Count Verbano . . . . . Arnaldo Foa

The NYT review : ICI

Fiche IMDB (Heavven on Earth)

Fiche IMDB (Civitas Dei)


El Alamein, deserto di gloria (1958)


El Alamein (Deserto di gloria) è un film di guerra del 1957 diretto dal regista Guido Malatesta.

Roma. Il giovane Sergio Marchi è fidanzato con Nancy Carson, cantante inglese. Allo scoppio della guerra, Sergio è inviato in Africa, ad El Alamein, al comando del capitano Bruschi con l'ordine di presidiare un caposaldo della cintura difensiva di El Alamein. In seguito allo sfondamento del fronte operato dall'8ª armata britannica il loro reparto si trova tagliato fuori, ricevendo il cap. Bruschi per via aerea, tramite un ufficiale di collegamento della Luftwaffe, tenente Kruger, l'ordine di resistere ad oltranza. Durante un contatto con le forze corazzate inglesi il capitano Bruschi viene ucciso in azione, il tenente Marchi nella medesima azione distrugge un carro Sherman e ne cattura l'equipaggio ferito. (Wikipedia)


Note Tecniche :
Titolo originale : El Alamein (Deserto di gloria) - Paese di produzione : Italia - Anno : 1957 - Durata : 85 min, colore - Regia : Guido Malatesta - Fotografia : Luciano Trasatti - Musiche : Roberto Nicolosi, Nino Rota...


Interpreti e personaggi :
Gabriele Tinti: Sergio Marchi, Fausto Tozzi: capitano Valerio Bruschi, Rossana Rory: Nancy Carson, Walter Santesso: Gennaro, Matteo Spinola: Aldo Savelli, Pierre Cressoy: capitano John Moore, Marco Guglielmi: tenente Santi...

Fiche IMDB


Serenatella sciuè sciuè (1958)


Serenatella sciuè sciuè è un film del 1958 diretto da Carlo Campogalliani.

Donna Tina Paradiso proprietaria della Pizzeria Paradiso; è nemica giurata di Donna Scuoffolo, proprietaria di un negozio di musica nello stesso rione. Donna Tina ha un nipote, suo, futuro erede, al quale vanno tutti i suoi affetti; Donna Scuoffolo ha una figlia, Nennella, ch'è tutta la sua ambizione. Nonostante il dissidio esistente tra le due famiglie, i due giovani amoreggiano, e ciò urta particolarmente Donna Scuoffolo che sogna per sua figlia un matrimonio col barone Paolino, uno spiantato che va a caccia di una dote.... (cinematografo.it) 


Note Tecniche :
Titolo originale : Serenatella sciuè sciuè - Lingua originale : Italiano - Paese di produzione : Italia - Anno : 1958 - Durata : 97 min, colore - Regia : Carlo Campogalliani - Soggetto : Angelo De Giglio, Guido Malatesta - Sceneggiatura : Mario Amendola, Carlo Campogalliani, Federico Cianfarini, Angelo De Giglio, Guido Malatesta, Isa Mari - Fotografia : Giuseppe La Torre - Musiche : Marcello Gigante - Scenografia : Beni Montresor...


Interpreti e personaggi :
Ave Ninchi: Agrippina Scuoffolo, Virgilio Riento: Salvatore Scuoffolo, Carlo Sposìto: Don Liborio, Gabriele Tinti: Mario, Maria Teresa Vianello: Nennella...

Fiche IMDB

Sorrisi e canzoni (1958)


Sorrisi e canzoni è un film musicale del 1958, antesignano dei musicarelli dei successivi anni sessanta.

Diretto da Luigi Capuano e sceneggiato dallo stesso Capuano con Alfredo Giannetti, è interpretato, fra gli altri, da Gabriele Tinti, Carlo Taranto, Elena Sedlak e Paolo Gozlino.


Note Tecniche :
Lingua originale : italiano - Paese di produzione : Italia - Anno : 1958 - Durata : 98 min, colore - Regia : Luigi Capuano - Sceneggiatura : Luigi Capuano, Alfredo Giannetti - Produttore : Emimmo Salvi - Fotografia : Augusto Tierzi - Musiche : Michele Cozzoli...


Interpreti e personaggi :
Gabriele Tinti: Renato Proietti, Giulia Rubini: Maria, Maria Fiore: Mimi Florette, Luciano Rondinella: Carluccio, Dante Maggio: Gennarino...

Fiche IMDB

Non sono più Guaglione (1958)


Non sono più guaglione è un film del 1958 diretto da Domenico Paolella. È il sequel del film Guaglione, girato nel 1956.


Note Tecniche :
Titolo originale : Non sono più guaglione - Lingua originale : italiano - Paese di produzione : Italia - Anno : 1958 - Durata  : 95 min, colore - Regia : Domenico Paolella - Sceneggiatura : Oreste Biancoli, Leo Bomba, Isa Mari, Ettore Scola - Fotografia : Raffaele Masciocchi - Montaggio : Gisa Radicchi Levi - Musiche : Carlo Rustichelli - Scenografia : Beni Montresor...


Interpreti e personaggi :
Sylva Koscina: Carolina, Gabriele Tinti: Vincenzino, Yvonne Monlaur: Nennella, Françoise Rosay: Donna Assunta (madre di Vincenzino), Armand Mestral: Francese, Tina Pica: Nini Bijou...

Fiche IMDB

Malafemmena (1957)


Malafemmena è un film drammatico del 1957 diretto da Armando Fizzarotti, ispirato alla omonima celebre canzone di Totò.


Note Tecniche :
Lingua originale : italiano - Paese di produzione : Italia - Anno : 1957 - Durata : 92 min, colore - Regia : Armando Fizzarotti - Soggetto : Armando Fizzarotti - Sceneggiatura : Armando Fizzarotti - Produttore : Romolo Laurenti, Carlo Vignati - Fotografia : Riccardo Pallottini - Montaggio : Gisa Radicchi Levi - Musiche : Michele Cozzoli - Scenografia : Alberto Boccianti...

Interpreti e personaggi :
Maria Fiore: Rosa Belfiore, Nunzio Gallo: Angelo Carrese, Aldo Bufi Landi: Michele Aversano, Gabriele Tinti: Eduardo, Aldo Giuffré: Carmine Cammarano, Olga Solbelli: "madame"...

Fiche IMDB

Tempo di villeggiatura (1956)


Amours de vacances (Tempo di villeggiatura) est un film italien réalisé par Antonio Racioppi, sorti en 1956. Il s'agit de sa première réalisation pour le cinéma.

Dans la périphérie de la ville de Rome se trouve un petit village devenu station touristique. Dans l'hôtel qui vient d'ouvrir, de nombreuses histoires se tissent entre les différents protagonistes de passage ou travaillant dans ce lieu. (Source Wiki)


Fiche technique :
Titre : Amours de vacances - Titre original : Tempo di villeggiatura - Réalisation : Antonio Racioppi - Scénario : Antonio Racioppi, Furio Scarpelli, Agenore Incrocci, Luigi Zampa, Luigi Magni, Willie Antuono, Paolo Frascà - Photographie : Massimo Sallusti - Montage : Eraldo Da Roma - Musique : Alessandro Cicognini et Xavier Cugat - Producteur : Felice D'Ancona - Costumes : Adriana Berselli - Société de production : Stella Film 


Pays d'origine : Italie - Langage : Italien - Format : Noir et blanc - Genre : Comédie - Durée : 103 minutes - Dates de sortie Italie : 23 novembre 1956

Distribution :
Vittorio De Sica (Aristide Rossi), Giovanna Ralli (Lella), Memmo Carotenuto (Alfredo), Nino Manfredi (Carletto), Abbe Lane (Dolores), Marisa Merlini (Margherita Pozzi), Maurizio Arena (Checco)...

Fiche IMDB

Totò lascia o raddoppia? (1956)


Totò lascia o raddoppia? è un film del 1956 diretto da Camillo Mastrocinque, co-prodotto tra la Titanus e la Athena Cinematografica sulla scorta del successo di Lascia o raddoppia?, primo quiz della storia della televisione italiana presentato da Mike Bongiorno con Edy Campagnoli; i protagonisti del film erano Totò e lo stesso Mike.

Il duca Gagliardo della Forcoletta dei Prati di Castel Rotondo è un nobile decaduto che vive tra l'albergo e l'ippodromo: qui, con a fianco il fedele maggiordomo Camillo, sbarca il lunario vendendo informazioni su presunti cavalli vincenti a inesperti scommettitori, tra cui un giorno gli capita il criminale Nick Molise. Un giorno, convocato nello studio di un notaio, scopre di essere padre di una ragazza, Elsa, nata da una sua relazione giovanile (avvenuta a Genova nel 1934 con la maestra Maria Marini). Senza svelare la sua vera identità, si reca al bar dove Elsa lavora e viene a conoscenza del suo sogno, cioè acquistare la gestione del bar dove lavora per potersi finalmente sposare.



Per questa ragione il suo fidanzato Bruno, anch'egli dipendente del medesimo bar, aveva appena partecipato al quiz televisivo Lascia o raddoppia? per procurarsi il denaro necessario, cadendo però alla domanda da 640.000 lire ("Chi è l'autore di Malafemmena?", che curiosamente è proprio Totò). A questo punto il duca, puntando sulla sua preparazione ippica, decide di presentarsi come concorrente a Lascia o raddoppia?. Tutto sembra andare per il meglio e il montepremi vinto dal duca raddoppia di puntata in puntata, fino a quando due gangster italoamericani - Joe Taccola e proprio quel Nick Molise che aveva già incontrato - non decidono di scommettere su di lui, ed ovviamente uno vuole che lasci e l'altro che raddoppi... (Wikipedia)


Note Tecniche :
Titolo originale : Totò lascia o raddoppia? - Paese di produzione : Italia - Anno : 1956 - Durata : 94 min, colore - Regia : Camillo Mastrocinque - Soggetto : Vittorio Metz, Marcello Marchesi - Sceneggiatura : Vittorio Metz, Marcello Marchesi - Produttore : Ermanno Donati, Luigi Carpentieri - Fotografia : Mario Fioretti - Montaggio : Roberto Cinquini - Musiche : Lelio Luttazzi - Scenografia : Saverio D'Eugenio...
 

La banda degli onesti (1956)


La banda degli onesti è un film del 1956 diretto da Camillo Mastrocinque, con protagonisti Totò, Peppino De Filippo e Giacomo Furia.

Scritta e sceneggiata da Age e Scarpelli, la pellicola consacrò il sodalizio artistico di Totò e Peppino. È considerato uno dei film migliori della coppia.


Antonio Bonocore, portiere napoletano di uno stabile di Roma con una moglie tedesca, si trova per caso ad assistere il signor Andrea, un anziano inquilino che, prima di morire, gli rivela di essere in possesso di alcuni cliché originali della Banca d'Italia, di cui era stato a lungo dipendente, nonché della carta filigranata per stampare banconote da 10 000 lire. Il signor Andrea aveva rubato questo materiale con l'intenzione di vendicarsi del fatto di essere stato messo da parte, ma non aveva poi mai avuto il coraggio di passare all'azione. Chiede quindi a Bonocore di buttare nel fiume la valigia con i cliché.  Bonocore però decide di non gettare la valigia, ma ignorando le tecniche di stampa delle banconote, per produrre i pezzi da 10 000 si vede costretto a chiedere la collaborazione del tipografo Giuseppe Lo Turco e, successivamente, del pittore Cardone, tutti e due variamente indebitati come lui.  Facendo leva sui bisogni economici dei suoi compari, organizza delle furtive riunioni notturne per dar vita a una banda di falsari... (Wikipedia)


Note tecniche :
Titolo originale : La banda degli onesti - Lingua originale : italiano - Paese di produzione : Italia - Anno : 1956 - Durata : 106 min, colore - Regia : Camillo Mastrocinque - Soggetto : Age & Scarpelli - Sceneggiatura : Age & Scarpelli - Produttore : Isidoro Broggi - Fotografia Mario Fioretti - Montaggio : Gisa Radicchi Levi - Musiche : Alessandro Cicognini - Scenografia : Alberto Boccianti...

Interpreti e personaggi :
Totò: Antonio Bonocore, Peppino De Filippo: Giuseppe Lo Turco, Giacomo Furia: Cardone, Gabriele Tinti: Michele (figlio di Bonocore), Giulia Rubini: Marcella (figlia di Lo Turco), Nando Bruno: Maresciallo Denti...

Fiche IMDB

Scapricciatiello (1955)


Scapricciatiello è un film del 1955 diretto da Luigi Capuano.


Napoli, primo dopoguerra. Un baroncino si innamora di una ragazza di nome Maria che fa la maestra elementare.

Il baroncino dice che la vuole sposare, ma poi all'improvviso la lascia e si fidanza con un'altra ragazza, Carmela, che non lo ama ed è interessata solo al suo denaro.


In verità, il baroncino ha lasciato Maria perché ha trovato una lettera del padre secondo la quale Maria sarebbe in realtà sua sorella. Successivamente il baroncino confessa alla madre quanto il padre ha scritto nella lettera, ma la madre dice che è una sciocchezza, poiché quando è nata Maria la madre e il padre del baroncino si trovavano in Brasile.

Alla fine si scopre che ad aver scritto la falsa lettera è stato uno dei più fedeli collaboratori della madre del baroncino.

Il motivo era che anche lui si era invaghito di Maria e la voleva per sé. Maria e il baroncino ritornano insieme e Carmela finalmente trova l'uomo giusto per lei: sposa Gennarino, il barbiere del paese che da sempre l'amava. (Wikipedia)



Note Tecniche :
Paese di produzione : Italia - Anno : 1955 - Durata : 91 min, colore - Regia : Luigi Capuano - Soggetto : Enzo Turco - Sceneggiatura : Luigi Capuano, Enzo Turco, Giuseppe Mariani - Produttore : Fortunato Misiano - Fotografia : Giuseppe La Torre, Augusto Tiezzi - Montaggio : Renato Scandolo - Musiche : Carlo Innocenzi, diretta da Ugo Filippini - Scenografia : Alfredo Montori...

Interpreti e personaggi :
Gabriele Tinti: Renato De Rosa, Fulvia Franco: Carmela, Eva Vanicek: Maria Imparato, Dante Maggio: Gennarino (il barbiere), Pasquale De Filippo: Pasquale (altro barbiere), Enzo Turco: Enzo (altro barbiere)...

Fiche IMDB

Il coraggio (1955)


Il coraggio è un film del 1955 diretto da Domenico Paolella e prodotto dalla D.D.L. (Dino De Laurentiis). Interpretato da Totò e da Gino Cervi, impegnati nei due ruoli principali, fu tratto dall'opera teatrale di Augusto Novelli.

Aristide Paoloni è un industriale tessile che naviga in cattive acque, con l'originale hobby di salvare la vita a chiunque tenti il suicidio gettandosi nel Tevere non nascondendo, in tali circostanze, anche un tantino di protagonismo. Sono già 24 le persone che egli ha salvato dalle acque del fiume, ed altrettante sono le medaglie al valor civile che ha conseguito per le sue gesta, che fanno bella mostra in un vero e proprio "sacrario" nello studio di casa.  È il giorno fatidico del suo venticinquesimo salvataggio: ma, dopo che egli ha festeggiato l'avvenimento ed è stato osannato da tutti come un eroe d'altri tempi narrando altresì l'accaduto in maniera alquanto ampollosa, succede il classico imprevisto che gli cambierà letteralmente la vita: infatti si presenta in casa sua, subito dopo essere stato dimesso dall'ospedale, l'aspirante suicida di turno, Gennaro Vaccariello, un povero diavolo - per di più vedovo - che, in virtù del suo salvataggio pretende di essere ospitato e mantenuto con l'intera famiglia costituita da ben sei figli e da un anziano zio, bersagliere a riposo non tanto sano di mente che crede di essere ancora sotto le armi... (Wikipedia)


Il critico Luigi Chiarini scrisse su Il Contemporaneo del 31 gennaio 1956 : « Totò è quel grande comico che tutti conosciamo, ma quanti sono i film tra decine e decine da lui interpretati che si salvano non dico sul piano dell'arte, ma almeno su quello dell'intelligenza e della dignità? Totò ha sempre successo di pubblico perché le sue risorse sono tali da strappare qualche risata anche con le più insulse banalità. Così tutti si aggrappano a lui, anche i giovani registi, come una sicura garanzia di quel successo economico senza il quale non c'è possibilità di carriera. Ma è necessario scegliere sempre la via più facile e banale? Così ha fatto nel Coraggio Domenico Paolella. Il vecchio testo di Novelli, che fu già cavallo di battaglia di Petrolini, poteva offrire lo spunto per realizzare con Totò un gustoso film satirico, solo che il regista si fosse preoccupato di dire qualche cosa anziché accavallare situazioni farsesche del tutto esteriori con l'unico intento di far ridere il pubblico. Il risultato, naturalmente è negativo: questa volta neppure Totò è riuscito a superare la piattezza della sceneggiatura. Ne è venuto fuori un film scolorito e noioso. » (Wikipedia)

Chiens perdus sans collier (1955)


Chiens perdus sans collier est un film français réalisé par Jean Delannoy, sorti en 1955, adapté du roman éponyme écrit par Gilbert Cesbron.

Le juge Julien Lamy, sous des dehors bourrus, est un homme bon et compréhensif. Il saura adapter ses décisions aux cas de Francis Lanoux, voleur de 15 ans, séparé de ses grands-parents qui vivaient dans la promiscuité et qui a mis enceinte sa jeune copine Sylvette et qui sera placé au centre d'observation de Terneray, d'Alain Robert, jeune orphelin pyromane qui fuit la ferme où il a été placé et qui cherche en vain ses parents. Il rencontrera Francis au centre d'observation. (Source Wiki)


Fiche technique :
Titre : Chiens perdus sans collier - Réalisation : Jean Delannoy - Scénario : Jean Aurenche, Pierre Bost, François Boyer, d'après le roman éponyme de Gilbert Cesbron (Éditions Robert Laffont) - Assistant réalisateur : Pierre Zimmer - Images : Pierre Montazel - Cadreur : Henri Tiquet - Son : Jacques Lebreton - Décors : René Renoux - Montage : Boris Lewin, James Cuenet - Musique : Paul Misraki (Éditions Impéria)


Pays d'origine : France - Distributeur : Cocinor - Tournage : Studios de Boulogne du 28 mars au 13 mai 1955 - Extérieurs dans la région de Provins, Conflans-Sainte-Honorine, scène des péniches à l'île Saint-Denis - Date de sortie : 21 octobre 1955 - Durée : 98 minutes.

Distribution :
Jean Gabin (Julien Lamy, le juge pour enfants), Anne Doat (Sylvette, petite amie de Francis), Serge Lecointe (Francis Lanoux, jeune délinquant), Jacky Moulière (le petit Gérard Lecarnoy), Jimmy Urbain (Alain Robert, le jeune orphelin), Robert Dalban (Joseph, le funambule).

Fiche IMDB

Giorni d'amore (1954)


Giorni d'amore è un film del 1954 diretto da Giuseppe De Santis.

In un paesino della Ciociaria due giovani poveri contadini, Angela e Pasquale, rimandano continuamente le nozze non avendo i mezzi per sostenere le spese che una cerimonia di matrimonio comporterebbe. Le due famiglie, molto amiche tra loro, dopo aver discusso di un eventuale matrimonio e fatti un po' di conti spingono Pasquale a rapire Angela in modo che la ragazza diverrebbe compromessa e fosse a quel punto necessario il classico matrimonio riparatore, evitando così una fastosa cerimonia nuziale. Durante la fuitina però le cose si complicano, le due famiglie che dovrebbero far finta di litigare litigano veramente e Angela non ha intenzione di concedersi a Pasquale. Alla fine però il piano ideato si concretizza e i due giovani innamorati si sposano. (Wikipedia)


Il film è stato girato in parte a Fondi, paese natale del regista in provincia di Latina, ed ha impiegato nel ruolo di attori e comparse molti veri abitanti del luogo. Il pittore Domenico Purificato ha curato per questo film la scenografia, i costumi e lo studio del colore. L'aver affidato ad un artista lo studio del colore fu una novità assoluta per l'industria cinematografica italiana.(Wikipedia)



Note tecniche :
Paese di produzione : Italia - Anno : 1954 - Durata : 98 min, colore.
Regia : Giuseppe De Santis - Soggetto : Libero de Libero, Giuseppe De Santis, Elio Petri, Gianni Puccini - Sceneggiatura : Libero de Libero, Giuseppe De Santis, Elio Petri, Gianni Puccini - Fotografia : Otello Martelli - Montaggio : Gabriele Varriale - Musiche : Mario Nascimbene - Scenografia : Domenico Purificato - Costumi : Domenico Purificato...

Interpreti e personaggi :
Marcello Mastroianni: Pasquale, Marina Vlady: Angela, Santina Tucci: Teresa, Angelina Longobardi: Concetta, Dora Scarpetta: Nunziata...

Fiche IMDB